Consulenza legale: Reati societari e fallimentari

I reati fallimentari sono disciplinati all’interno del titolo VI del Regio Decreto 267/1942 (Legge Fallimentare) e coinvolgono da vicino le disposizioni penali legate ad un imprenditore fallito. In questo senso la legge è volta a tutelare il creditore e far sì che venga liquidato il debito dovuto allo stato di insolvenza.
 
I reati societari sono invece regolati dal Codice Civile: in particolare  sono descritti nel titolo IX del libro quinto del Codice Civile (artt. 2621 e ss. c.c.) e si verificano con maggiore probabilità non solo nelle imprese, ma anche nelle realtà consortili, cooperative o gruppi d’impresa.

Tipologie di reati fallimentari​

​​Nonostante i reati fallimentari possano essere classificati in diverse tipologie, tuttavia è funzionale approcciarsi a questo argomento dividendolo in due macro categorie che si differenziano, sostanzialmente, per i soggetti giuridici coinvolti nel reato (da un lato il fallito, dall’altro una persona diversa dal fallito stesso).
 
Tra i reati fallimentari commessi dal fallito stesso più noti è opportuno citare - accanto a  ricorso abusivo al credito, denuncia di creditori inesistenti e altre inosservanze da parte del fallito - la bancarotta che, a sua volta, è distinguibile in:
 
  • Bancarotta fraudolenta: questo concetto viene applicato in relazione alla condotta dell’imprenditore, il quale viene dichiarato fallito per aver dissipato, occultato, falsificato, distrutto i suoi beni (bancarotta fraudolenta patrimoniale), o libri contabili e documenti (bancarotta fraudolenta documentale) o per aver eseguito pagamenti o simulato titoli di prelazione allo scopo di favorire creditori a danno di altri (bancarotta preferenziale);

  • Bancarotta semplice: colpisce gli imprenditori che hanno dissipato il loro patrimonio sociale per spese personali esorbitanti rispetto alla propria condizione economica (bancarotta semplice patrimoniale), incompleta o irregolare tenuta dei libri contabili rispetto a quanto prescritto dalla legge(bancarotta semplice documentale)
 
I reati fallimentari commessi da una persona diversa dal fallito stesso si differenziano dai precedenti in quanto non coinvolgono solo l’imprenditore, ma anche la società ad esso collegata. Per questo i reati fallimentari includono, non solo quelli sopra citati, ma anche la bancarotta fraudolenta societaria, bancarotta semplice societaria, ricorso abusivo al credito e denuncia di crediti inesistenti, anche i reati dell’institore, interesse privato del curatore negli atti del fallimento, accettazione di retribuzione non dovuta, omessa consegna o deposito di cose del fallimento, domande di ammissione di crediti simulati o distrazioni senza concorso col fallito, mercato di voto, esercizio abusivo di attività commerciale, omessa trasmissione dell’elenco dei protesti cambiari.
Tipologie di reati societari
Una volta appurate le caratteristiche e le differenze in materia di reati fallimentari, è opportuno chiarire cosa si intenda quando si parla di reati societari. Con questo concetto si identificano i reati disciplinati dal Codice Civile che sono collegati sia all’esercizio di società sia di gruppi societari. Tra i principali si trovano:

  • Aggiotaggio: identifica il delitto commesso da coloro che diffondono false notizie o commettono altri artifici, atti a provocare un’alterazione di risorse né quotati né in corso di quotazione (qualora lo fossero si parlerebbe di manipolazione del mercato);

  • Insider Trading: questo termine di etimologia anglosassone indica il delitto di abuso di informazioni privilegiate che, qualora dovessero essere rese pubbliche, potrebbero alterare gli equilibri finanziari;

  • False comunicazioni sociali: si verifica nel caso in cui gli amministratori, incaricati della redazione dei documenti contabili societari, dichiarino fatti non rispondenti al vero o omettono informazioni obbligatorie, sulla situazione economica, patrimoniale o finanziaria della società del gruppo a cui appartengono, per indurre in errore i destinatari e ottenere, per sé o altri ingiusti profitti.
 
Il mondo dei reati societari e fallimentari risulta particolarmente delicato e ricco di insidie per chi non è un esperto del settore: per questa ragione, se hai necessità di un avvocato di diritto societario o fallimentare a Milano, potrai rivolgerti alla professionalità e competenza dello Studio Legale Mazzotta.

Avvocato reati societari a Milano

Avvocato reati fallimentari a Milano

Studio Legale Mazzotta
Via Raffaello Sanzio, 24
(20149) – Milano
Tel. 02.49480569
Cell. 339.8527988